Noi umani siamo circondati dalla plastica. Si usa negli imballaggi che scartiamo dopo un solo uso, si usa per cibi e bevande che riempiono i nostri negozi, si trova pure nei nostri vestiti, che rilasciano fibre microplastiche durante il lavaggio. È essenziale spiegare la plastica ai bambini in modo da farli capire che cos’è e che danni comporta.

Indice dei contenuti

Nel primo decennio di questo secolo, abbiamo prodotto più plastica di tutta la plastica della storia fino al 2000. E ogni anno, miliardi di tonnellate di plastica in più finiscono negli oceani del mondo. Gli studi stimano che ora ci siano 15-51 trilioni di pezzi di plastica negli oceani del mondo, dall’equatore ai poli, dalle calotte glaciali artiche al fondo del mare. Non un chilometro quadrato di superficie oceanica in qualsiasi parte della terra è privo di inquinamento da plastica.

Il problema sta diventando una crisi. L’industria dei combustibili fossili prevede di aumentare la produzione di plastica del 40% nel prossimo decennio. Questi giganti del petrolio stanno costruendo rapidamente impianti petrolchimici negli Stati Uniti per trasformare il gas fratturato in plastica. Ciò significa che avremmo più inquinamento atmosferico e plastica tossica nei nostri oceani.

Abbiamo bisogno di agire urgentementre per affrontare l’epidemia globale di inquinamento da plastica.

Sfortunatamente, la plastica è così resistente che l’EPA riporta che “ogni pezzo di plastica mai prodotto esiste ancora”. Tutti e cinque i principali oceani della terra sono inondati dall’inquinamento da plastica.

Che cos’è la plastica

cos'è la plastica

La plastica viene prodotta nelle fabbriche utilizzando sostanze chimiche presenti nel petrolio e nel gas naturale. Si colora aggiungendo coloranti artificiali. La plastica fusa viene versata in stampi a forma di giocattoli e altre cose che usiamo tutti i giorni. Può anche essere pressata attraverso dei buchi per farla diventare a forma di tubo, cavi o sacchetti.

Può essere solida e può essere utilizzata per realizzare oggetti come involucri per diversi dispositivi, vasi da giardino e persino mobili.

È solida ma non è pesante, anzi, è leggerissima. Poiché è così leggera, molte parti di aeroplani e automobili sono realizzate in plastica. Ciò significa che ci vuole meno energia per spostare queste macchine e quindi l’uso ridotto di carburante o benzina.

Può essere morbido e utilizzato per realizzare oggetti come peluche, ombrelli, palline e piscine per bambini.

La plastica può essere utilizzata per realizzare bottiglie di tutte le forme e dimensioni.

Può essere trasformata in fili sottili e quindi tessuto per creare materiale utilizzato per realizzare indumenti come impermeabili e giacche. Questi materiali plastici sono chiamati materiali sintetici.

Com’è fatta la plastica

La maggior parte della plastica è composta da sostanze chimiche che provengono dal petrolio, dal gas naturale o dal carbone. Il riscaldamento di queste sostanze chimiche le fa scomporre in molecole. (Le molecole sono gruppi di due o più atomi, che sono i minuscoli mattoni di ogni cosa.) Gli scienziati poi uniscono queste molecole in catene. Queste catene costituiscono la plastica. Diverse combinazioni di molecole formano diversi tipi di plastica.

Le materie plastiche possono essere trasformate in quasi tutte le forme riscaldandole ad alta temperatura. Il calore ammorbidisce la plastica, che può poi essere versata in uno stampo. Quando la plastica ammorbidita si raffredda, si indurisce. Quando vengono riscaldati, alcuni tipi di plastica si ammorbidiscono di nuovo. La plastica può quindi essere trasformata in nuove forme. Altri tipi di plastica rimarranno duri anche se riscaldati.

Quali sono i tipi di plastica

tipi di plastica
  1. PETE o PET (polietilene tereftalato): la plastica PET si trova comunemente in bottiglie per bevande, contenitori per alimenti deperibili e collutorio. Le plastiche PET trasparenti sono generalmente considerate sicure, ma possono assorbire odori e sapori da alimenti e liquidi in esse contenuti.
  2. HDPE (polietilene ad alta densità): uno dei più nuovi tipi di plastica. L’HDPE è la plastica più comunemente riciclata ed è generalmente considerata sicura per il contatto con gli alimenti dalla FDA. A causa della sua struttura interna, l’HDPE è molto più resistente del PET e può essere riutilizzata in sicurezza.
  3. V o PVC (cloruro di polivinile): è una delle plastiche più antiche. Conosciuta anche come vinile, il PVC è una plastica comune che all’inizio è rigida, ma diventa flessibile quando vengono aggiunti plastificanti. Trovato in carte di credito, pellicola alimentare, tubi idraulici, piastrelle, finestre e attrezzature mediche, il PVC viene raramente riciclato. La plastica in PVC contiene sostanze chimiche dannose legate a una varietà di disturbi, tra cui malattie ossee e problemi di sviluppo nei bambini e nei neonati.
  4. LDPE (polietilene a bassa densità): l’LDPE ha la struttura più semplice di tutte le materie plastiche, il che lo rende facile da produrre. Ecco perché viene utilizzato principalmente per molti tipi di sacchetti. Una plastica molto pulita e sicura, l’LDPE si trova anche in articoli per la casa come involucri di plastica, contenitori per alimenti surgelati e bottiglie comprimibili.
  5. PP (polipropilene): il PP è dura, robusta e può resistere alle alte temperature. È anche considerata una plastica sicura e, di conseguenza, si trova in parti di automobili, giubbotti termici, contenitori per yogurt e persino pannolini usa e getta.
  6. PS (polistirolo): il PS noto come polistirolo. Una plastica facilmente riconoscibile, il PS si trova in bicchieri per bevande, isolamento, materiali di imballaggio, cartoni delle uova e stoviglie usa e getta. È economico e facile da creare, e quindi si trova ovunque. Tuttavia, non è sicuro perché il polistirolo è noto sia per il rilascio di sostanze chimiche dannose, specialmente se riscaldato, sia per la scarsa riciclabilità.
  7. Altri tipi di plastica: il codice SPI 7 è utilizzato per tutte le materie plastiche che non fanno parte degli altri 6 tipi. Nonostante la loro inclusione in articoli popolari come occhiali da sole, custodie per computer, nylon, compact disc e biberon, queste plastiche contengono la sostanza chimica tossica bisfenolo A o BPA. Non solo sono pericolosi, ma questi tipi di plastica sono anche estremamente difficili da riciclare in quanto non si decompongono facilmente.

La storia della plastica spiegata ai bambini

La storia della plastica risale al 1862, quando Alexander Parkes dimostrò parkesine, la sua plastica artificiale derivata dalla cellulosa organica, a Londra, in Inghilterra. La parkesina potrebbe essere riscaldata e modellata in oggetti che manterrebbero la loro forma una volta raffreddati.

Alcuni anni dopo, nel 1868, John Wesley Hyatt combinò la cellulosa organica con la canfora per creare la celluloide. Oltre a sostituire l’avorio nelle palle da biliardo, la celluloide divenne popolare come sostanza utilizzata per realizzare la prima pellicola fotografica flessibile per film e immagini fisse.

Seguirono altri progressi nella plastica, utilizzando varie altre sostanze organiche. Non è stato fino al 1907, tuttavia, che la prima plastica completamente sintetica e di successo commerciale è stata inventata da Leo Hendrik Baekeland.

La chiamò bachelite, che era molto più facile da pronunciare rispetto al suo nome chimico: poliossibenzilmetilenglicolanidride. La bachelite veniva prodotta combinando il fenolo con la formaldeide sotto calore per creare una reazione di condensazione che produceva la resina polimerica chiamata bachelite.

Prima dell’invenzione della plastica, i prodotti erano limitati dalla disponibilità di materiali naturali (o basati su materiali naturali), come legno, metallo, vetro, ceramica (argilla) e, infine, gomme d’albero (gomma). L’invenzione della plastica ha aperto un mondo completamente nuovo di possibilità nell’industria. Dalle parti di automobili e telefoni ai gioielli e agli utensili da cucina, la plastica si è sparsa in tutto il mondo.

La plastica e l’ambiente

la plastica inquina

La plastica è molto utile, ma può anche causare molti problemi all’ambiente. I prodotti in plastica non si decompongono. Quando vengono buttati fuori, occupano spazio nelle discariche.

Una grande quantità di rifiuti di plastica finisce negli oceani, dove può ferire gli animali. Poiché non si docompone, cose come sacchetti di plastica, bottiglie e lenze si raccolgono in vaste aree dell’oceano.

Le tartarughe marine e altri animali possono mangiare la plastica. Gli animali possono anche essere feriti quando le lenze da pesca in plastica si avvolge intorno ai loro corpi. Le persone preoccupate per l’ambiente cercano di incoraggiare le persone a riciclare la plastica invece di buttarla via.

La plastica può essere riciclata

La plastica usata può essere riciclata. Una volta ripulita può essere utilizzata per realizzare nuove bottiglie e sacchetti. Non marcisce e non può essere bruciata senza che faccia danni (la plastica bruciata emette gas pericolosi). Quindi è difficile liberarsene. I rifiuti di plastica occupano molto spazio nelle discariche. Per aiutare a salvare il nostro ambiente dobbiamo usarla con attenzione e riutilizzarla ogni volta che possiamo.

lavorazione della plastica

Presto nei nostri oceani ci sarà più plastica che pesci. Cannucce, bottiglie e sacchetti di plastica sono una parte enorme di quella montagna di spazzatura che inquina mari, fiumi e terra.

I rifiuti di plastica inquinano per molti, molti, molti anni. Milioni di animali e uccelli muoiono a causa dei rifiuti di plastica.

Cos’altro possiamo fare?

  • Limita l’uso della plastica: porta con te una bottiglia d’acqua riutilizzabile non di plastica  pensa a quanti soldi risparmierai non comprando acqua in bottiglia. In Australia e in molte parti del mondo l’acqua del rubinetto è eccellente.
  • Porta i tuoi sacchetti non di plastica al supermercato piuttosto che usare i loro sacchetti di plastica monouso.
  • Porta il pranzo in un cestino riutilizzabile e metti gli oggetti di plastica in un cestino in modo che possa essere sciolto e trasformato in cose nuove.
  • Metti la plastica nei cestini per il riciclaggio così possiamo aiutare il pianeta.