È importante spiegare ai bambini della scuola primaria l’inquinamento degli oceani e l’inquinamento del mare. Questi sono una forma di inquinamento dell’acqua, che è essenziale per la vita sulla terra.

L’inquinamento marino si verifica quando gli effetti dannosi si spargono nell’oceano o nel mare tramite sostanze chimiche, particelle, rifiuti industriali, agricoli e residenziali, rumore o dalla diffusione di organismi invasivi.

Indice dei contenuti

Cause dell’inquinamento del mare

Ci sono molte cause di inquinamento del mare o dell’oceano. Di tutte le cause, una è quella principale: la maggior parte dell’inquinamento nei nostri oceani inizia sulla terra ed è causato dall’uomo. Ecco alcune delle principali cause di inquinamento marino:

Inquinamento non diretto (deflusso)

L’inquinamento da fonti non diretti proviene da una varietà di luoghi e fonti diverse. Il risultato di ciò è il deflusso, che si verifica quando la pioggia o la neve spostano gli inquinanti dal suolo nell’oceano. Ad esempio, dopo un forte acquazzone, l’acqua scorre dalle strade nell’oceano, portando con sé l’olio lasciato sulle strade dalle auto, insieme a molti altri rifiuti.

Scarico intenzionale

Gli impianti di produzione in alcune aree del mondo rilasciano nell’oceano rifiuti tossici, compreso il mercurio. Sebbene vengano rilasciati intenzionalmente nel mare, contribuiscono anche all’inquinamento degli oceani, così come i prodotti di plastica. Ogni anno più di otto milioni di tonnellate di plastica finiscono nei nostri oceani.

Fuoriuscite di petrolio

mare inquinato dal petrolio

Le navi sono i principali responsabili dell’inquinamento degli oceani, soprattutto quando si verificano fuoriuscite di petrolio greggio. Il petrolio greggio dura anni nell’oceano ed è difficile da ripulire.

Rifiuti

L’inquinamento atmosferico, che si riferisce agli oggetti e sostanze trasportati dal vento nell’oceano, è uno dei più grandi problemi. Oggetti come sacchetti di plastica e contenitori di polistirolo rimangono a galla sull’acqua e non si decompongono.

Estrazione dall’oceano

L’estrazione in acque profonde dell’oceano provoca inquinamento e disagi ai livelli più bassi dell’oceano. La perforazione di sostanze come cobalto, zinco, argento, oro e rame crea depositi di solfuri dannosi nelle profondità dell’oceano.

Effeti dell’inquinamento del mare e dell’oceano

inquinamento del mare per scuola elementare

L’inquinamento degli oceani ha molte conseguenze che colpiscono direttamente e indirettamente la vita marina, così come gli esseri umani. Ecco alcuni degli effetti più comuni dell’inquinamento degli oceani:

Nuoce agli animali marini

Gli animali marini sono vittime comuni dell’inquinamento degli oceani. L’inquinamento da idrocarburi e le fuoriuscite di petrolio, ad esempio, soffocheranno gli animali marini impregnando le loro branchie. Quando l’olio entra nelle piume degli uccelli marini, potrebbero non essere in grado di volare o nutrire i loro piccoli. Gli animali che non vengono uccisi dal petrolio greggio possono soffrire di cancro, cambiamenti comportamentali e diventare incapaci di riprodursi.

Gli animali marini scambiano anche piccoli detriti di plastica per cibo o rimangono impigliati o strangolati da sacchetti di plastica e reti da pesca scartate. Gli animali più vulnerabili ai danni causati dai detriti di plastica nell’oceano includono delfini, pesci, squali, tartarughe marine, uccelli marini e granchi.

Esaurimento di ossigeno nell’acqua del mare

Poiché i detriti in eccesso nell’oceano si degradano lentamente nel corso di molti anni, utilizzano l’ossigeno per poterlo fare, risultando in meno 02 nell’oceano. Bassi livelli di ossigeno nell’oceano portano alla morte di animali oceanici come pinguini, delfini, balene e squali.

Anche l’eccesso di azoto e fosforo nell’acqua di mare provoca l’esaurimento dell’ossigeno. Quando una grande quantità di esaurimento di ossigeno si verifica in un’area dell’oceano, può diventare una zona morta dove nessuna vita marina può sopravvivere.

Nuoce alla salute umana

Gli inquinanti nell’oceano tornano agli umani. I piccoli organismi ingeriscono tossine e vengono mangiati da predatori più grandi, molti dei quali sono frutti di mare che alla fine mangiamo noi. Quando le tossine negli animali contaminati si depositano nei tessuti umani, possono portare a condizioni di salute a lungo termine, cancro e difetti alla nascita.

Soluzioni per l’inquinamento del mare

Dati gli effetti disastrosi a lungo termine dell’inquinamento degli oceani, qualunque cosa facciamo per evitare di contaminare i nostri mari è una buona cosa. Ecco alcune soluzioni per l’inquinamento degli oceani che possono fare una grande differenza.

Ridurre l’uso di fertilizzanti chimici

Il fertilizzante chimico in eccesso alla fine si fa strada negli oceani e mari. Scegliere fertilizzanti organici, che tendono a contenere meno sostanze nutritive, e usarli a metà di quanto è suggerita, può avere effetti sorprendenti in svantaggio dell’inqinamento marino.

Usare bottiglie e utensili riutilizzabili

Le bottiglie e gli utensili di plastica usa e getta, comprese le cannucce, sono enormi inquinatori oceanici. È sempre meglio optare per bottiglie e utensili riutilizzabili, piuttosto che contribuire alla minaccia per la vita marina.

Smaltire correttamente plastica e rifiuti

Uno dei modi più semplici per ridurre l’inquinamento degli oceani e mari è smaltire correttamente la plastica e altri materiali riciclabili, in modo che non finiscano nell’oceano. Negli spazi esterni, come spiagge e parchi, gettare i rifiuti nei cestini o portarseli a casa con se, puo fare la differenza.

Come finisce la plastica in mare

come finisce la plastica in mare

È evidente che oggi non ne possiamo fare a meno della plastica, la usiamo tutti i giorni per svolgere gran parte delle azioni quotidiane. In alcuni casi, la plastica è vitale per noi umani, come per esempio il casco della bici può salvarci la vita nel caso cadessimo dalla bici, le bottigliette d’acqua possono altrettanto salvare la vita a persone che non hanno accesso a un fonte di acqua potabile oppure anche le cannuccie di plastica sono essenziali per le persone disabili che non possono bere o mangiare con le proprie mani.

Il problema è che la maggior parte di noi usa e poi getta molta più plastica del necessario: cose come sacchetti della spesa, bottiglie per bevande, cannucce, involucri per alimenti e imballaggi di plastica intorno ai giocattoli. Questo tipo di plastica che viene utilizzata solo una volta prima di essere gettata via è chiamata plastica monouso e costituisce oltre il 40% di tutta la spazzatura di plastica.

Gli scienziati stimano che 8,8 milioni di tonnellate di plastica finiscano nell’oceano ogni anno.

Come arriva la plastica nel mare? La plastica lasciata a terra o dai rifiuti, spesso vengono buttati nei torrenti e nei fiumi, finendo infine nell’oceano o nel mare. E poiché la spazzatura di plastica è diversa da altri tipi di rifiuti, non si decompone nella natura come una buccia di banana o un pezzo di carta, rimane nell’oceano per sempre. Ciò significa che le reti da pesca scartate e gli anelli di plastica che tengono assieme le birre al supermercato possono strozzare gli animali. Cannucce nocive e sacchetti della spesa possono essere scambiati per cibo.

Infatti, è proprio questo il modo come muoiono le tartaruge d’acqua. Tonnellate di sacchetti della spesa o dell’immondizia finiscono nel mare ogni anno. Tutta questa plastica viene sparsa per tutto l’oceano o mare. Le tartaruge marine spesso scambiano sacchetti di plastica per meduse, e una volta ingerite, si soffocano.