Un bambino inizia a parlare quando lo senti dire le prime sillabe, che per te abbiano senso o meno. Perfino il pianto ha il suo significato, ma ciò significa comunicare, diversamente di quando parla, quando lo senti dire le prime parole. I bambini avranno diverse capacità di comunicazione, che dipende dai genitori ma anche dallo stato del bambino, e a diversa da quanti mesi hanno sapranno parlare prima o tardi, partendo dai 11 ai 14 mesi di età.

Le tappe fondamentali per un bambino che impara a parlare si verificano nei primi tre anni di vita, quando il cervello di un bambino si sta sviluppando rapidamente. Durante quel periodo, lo sviluppo del linguaggio del tuo bambino dipende dalle tue capacità di “parlare da bambino” e da quelle del tuo bambino.

Indice dei contenuti

Quando dice la prima parola?

La maggior parte dei bambini dirà la loro prima parola all’età di 1 anno, attorno al loro primo compleanno. Alcuni bambini potrebbero essere in grado di dire le loro prime parole prima di altri.

La prima forma del parlare del bambino, che è non verbale, si verifica poco dopo la nascita. Il tuo bambino piangerà, farà una smorfia o si contorcerà per comunicare una varietà di emozioni e bisogni.

Questi possono variare dalla paura e dalla fame, alla frustrazione e al sovraccarico sensoriale. I genitori che sono bravi ad ascoltare e interpretare le grida del loro bambino possono essere una benedizione.

Inizierai a notare un aumento delle capacità linguistiche ricettive del tuo bambino molto presto. Ciò significa che il tuo bambino è in grado di capire ciò che dici.

Le capacità ricettive spesso precedono quelle espressive (capacità di parlare). Il normale sviluppo del linguaggio è evidente quando il tuo bambino indica le cose e comprende semplici istruzioni (“Dai il cucchiaio alla mamma”) o gira la testa quando lo chiami.

Quali sono le parole più comuni che dice per prima?

I primi suoni comuni includono i suoni “b”, “p” e “m”. Questo perché sono più facili da capire per i bambini, quindi “mamma” e “papà” di solito sono le parole vincitori. C’è molta variazione e alcuni bambini potrebbero usare suoni e parole diverse e strane.

Alcuni suoni possono significare più di una cosa per il tuo bambino. Ad esempio, “baba”, che può anche essere chiamato “bottiglia” o “banana”, potrebbe significare “bambino”.

Il suono di un bambino di solito è un riferimento a qualcuno o qualcosa. Puoi determinare se intendono che sia un termine in base alla coerenza con cui usano la parola. I bambini di un anno possono indicare, salutare e fare gesti.

Sviluppo del linguaggio (quanto parlano a quanti mesi)

Potresti trovare il tuo bambino che canta e vocalizza tanto carino quanto sciocco. Ascolta bene, e un giorno la sentirai: la prima vera parola.

A 9 mesi, il tuo bambino potrebbe essere in grado di emettere i suoni “maa maa” e “da-da”. Tuttavia, non sapranno necessariamente cosa significano questi suoni. Quando quei suoni iniziano a tradursi in parole con significato è una pietra miliare magica.

Bambini di 3 mesi

A 3 mesi, il tuo bambino inizia ad ascoltarti mentre parli, ti guarda in faccia e rivolge la sua attenzione a qualsiasi suono o musica in casa. Molti bambini preferiscono la voce di una donna a quella di un uomo. Molti bambini preferiscono ascoltare le voci e la musica che hanno sentito quando erano ancora nel grembo materno. A tre mesi, i bambini possono iniziare a “tubare”, una vocalizzazione piacevole, ripetitiva e felice.

Bambini di 6 mesi

A 6 mesi, il tuo bambino può iniziare a balbettare con suoni diversi. Il tuo bambino potrebbe dire “baba” o “papà”, per esempio. Il sesto e il settimo mese sono quando i bambini iniziano a rispondere ai loro nomi, riconoscono le loro lingue native e usano la loro voce per dirti se sono felici o tristi. Alcuni genitori scambiano una serie di balbettii “da-da” per la prima parola del loro bambino. Il balbettio a questa età può ancora essere composto da sillabe casuali senza significato o comprensione.

Bambini di 9 mesi

I bambini di 9 mesi possono capire parole di base, come “no” e “ciao”. Potrebbero anche essere in grado di comprendere una gamma più ampia di suoni consonantici.

Bambini di 12-18 mesi

Tra i 12 e i 18 mesi la maggior parte dei bambini conosce alcune parole di base come “mamma”, “papà”, entro la fine dei 12 mesi. Possono capire o rispondere a richieste brevi e semplici come “Per favore dammelo” e “Per favore mettilo giù”.

Bambini di 18 mesi

I bambini di 18 mesi possono dire parole semplici e indicare oggetti, persone e parti del corpo a cui dai il nome. Possono ripetere parole o suoni che senti pronunciare, come l’ultima parola in una frase. Tuttavia, spesso dimenticano la fine o l’inizio delle parole. Potrebbero usare le parole “caw” come sinonimo di “cane” e “pa” come sostituto di “pasta”.

Bambini di 2 anni

La maggior parte dei bambini piccoli può dire 50 parole o più entro i 2 anni, usare frasi e mettere insieme frasi di due e più parole.
Non importa a che età pronunciano le loro prime parole. Puoi essere sicuro che capiscono già molte delle informazioni che vengono loro dette. Il tuo bambino dovrebbe rispondere a semplici comandi (“Fai rotolare quella palla alla mamma”) ed essere in grado di nominare oggetti familiari e membri della famiglia.

Leggi anche: Cosa Significa se il tuo Bambino di 2 Anni Non Parla Ancora

Bambini di 3 anni

Il tuo bambino probabilmente avrà un gran numero di parole all’età di 3 anni. Sarà in grado di parlare in frasi con cinque o più parole all’età di 3-4 anni. Tuttavia, il suo vocabolario può variare. Sarà anche in grado di rispondere a semplici domande e imitare i suoni degli adulti, il che dovrebbe renderlo facile da capire per gli estranei.

I bambini in età prescolare sono in grado di parlare in modo fluido e possono capire le parole senza ripeterle, anche se potrebbe ancora scrivere male alcune parole. Dovrebbe essere in grado di comprendere due o tre parti di una direttiva a questa età. Ad esempio, “Raccogli il giornale, piegalo a metà e poi riportamelo”.

Leggi anche: Perchè un Bambino di 4 Anni Non Parla Bene (e come dovrebbe parlare)

Perchè alcuni bambini parlano tardi

Sebbene alcuni bambini sembrino essere leggermente indietro nella loro lingua parlata o “espressiva”, la loro lingua “ricettiva” o “espressiva” potrebbe essere migliore di quella che è, o peggiore.

Potrebbe anche sembrare che capiscano molto di ciò che viene detto. I bambini che usano meno parole ma possono capire quello che stai dicendo e seguire i tuoi comandi hanno meno probabilità di avere problemi rispetto a quelli che usano molto linguaggio espressivo.

“Il linguaggio ricettivo è una buona indicazione per distinguere tra i bambini che parlano in ritardo e quelli con ritardi nello sviluppo”.

Il numero di bambini che parlano in ritardo sembra essere in aumento. Questo aumento è correlato con un aumento delle infezioni croniche dell’udito che possono portare a problemi di udito e ritardi del linguaggio.

Secondo i pediatri, i bambini hanno maggiori probabilità di essere infettati dalle malattie dei loro coetanei mentre trascorrono del tempo negli asili nido.

l’infezione cronica all’orecchio potrebbe avere un impatto negativo sulle prime esperienze di apprendimento, specialmente quando ci sono altri fattori di rischio. La scuola materna è un periodo cruciale per lo sviluppo del linguaggio.

Mentre molti bambini hanno una predisposizione genetica a parlare più tardi di altri, ci sono fattori ambientali che potrebbero svolgere un ruolo nei bambini che iniziano a parlare tardi.

Ritardo nel linguaggio: quando preoccuparsi se un bambino non parla

Tieni presente che alcuni bambini possono parlare prima di altri e alcuni bambini possono parlare tardi. È perfettamente normale. Tutte le date e i numeri sono approssimativi.

Il tuo bambino potrebbe non rientrare nelle stime. Potresti anche riscontrare un ritardo nel linguaggio espressivo del tuo bambino (parlare), tuttavia, sarà comunque in grado di capire e usare un linguaggio ricettivo (comprensione).

Un ritardo nell’apprendimento delle lingue è molto comune. Un bambino su cinque imparerà a parlare l’italiano più tardi degli altri bambini della sua età. A volte, questi ritardi si risolveranno da soli.

Parlare con il tuo pediatra delle tue preoccupazioni sui ritardi del linguaggio nel tuo bambino è una buona cosa. Possono aiutarti a determinare se sono normali o se potrebbe esserci qualcos’altro.

A volte, i ritardi del linguaggio possono essere indicativi di un problema più grande, come problemi di udito, ritardi nello sviluppo, disturbi dello spettro autistico o altro.

Se il tuo medico è preoccupato per il ritardo nel parlare di tuo figlio, potrebbe chiederti di compilare un questionario. Quindi, osserveranno tuo figlio e si impegneranno con te per valutare il loro sviluppo linguistico.

Potresti essere indirizzato a uno specialista dell’udito, un terapista del linguaggio o un terapista dello sviluppo. Il tuo bambino potrebbe aver bisogno di ulteriore aiuto da un pediatra, un logopedista o un terapista dello sviluppo.

Anche se potrebbe essere difficile esprimere le tue preoccupazioni riguardo allo sviluppo del linguaggio di tuo figlio, è sempre una buona idea. Ma a volte, potrebbe essere necessario fornire un po’ di sostegno a tuo figlio. È sempre meglio affrontare questi problemi il prima possibile.

La cosa migliore da fare è iniziare le terapie non appena si notano problemi. Prima sollevi le tue preoccupazioni e decidi se è necessario un intervento, meglio è. È possibile fare una grande differenza nelle capacità di un bambino se l’intervento avviene abbastanza presto.

Quando rivolgersi a un dottore?

Dovresti essere attento ai segni di gravi ritardi del linguaggio nel tuo bambino e parlare con il tuo medico se c’è. I ritardi nel parlare possono essere causati da molte cose, ma è importante riconoscere il problema in anticipo in modo che tuo figlio possa migliorare le sue capacità di parola prima che raggiunga l’età scolare.

Dopo aver consultato il tuo pediatra, ecco le cose da fare per risolvere il problema del ritardo nel linguaggio:

Fai il test dell’udito. Fino a tre quarti di tutti i neonati soffrono di ipoacusia. Questo può ritardare lo sviluppo del linguaggio. Il test dell’udito è da eseguire in ospedale subito dopo la nascita. Se non superano il test dell’udito iniziale, portali per un test completo dell’udito entro i 3 mesi.

Rivolgiti a un logopedista. Un logopedista può diagnosticare, trattare o prevenire i ritardi del linguaggio dovuti a disturbi del linguaggio, del parlato, della voce o di altri disturbi. Alcuni genitori possono offrire suggerimenti e giochi che possono aiutare con problemi di linguaggio e migliorare le abilità linguistiche dei loro figli.

Considera i test di sviluppo. Gran parte dei bambini italiani è affetto da un disturbo dello sviluppo o del comportamento come il disturbo dello spettro autistico o la disabilità cognitiva. Questi problemi di sviluppo possono causare ritardi nel linguaggio e dovrebbero essere affrontati dal medico del tuo bambino.

Qual è la prima cosa che i bambini dovrebbero fare quando iniziano a parlare? Incoraggia il tuo bambino a iniziare a parlare cantando, tubando e parlando. Mostra al tuo bambino che ci tieni rispondendo in modo positivo.

Questo è il miglior elemento costitutivo per le chiacchiere da bambini.

Come stimolare un bambino a parlare

Hai insegnato al tuo bambino a parlare dalla prima volta che l’hai salutato. In effetti, la ricerca mostra l’acquisizione del linguaggio e la comprensione del linguaggio da parte di un bambino inizia nell’utero.

Ci sono metodi semplici e efficaci per stimolare un bambino a parlare, dipende solo in quale fase si trovino.

Stimolare un bambino a parlare quando deve dire le prime parole

1. Inizia a parlare con lui da subito

Anche prima che il tuo bambino dica le sue prime parole, sta già comunicando con te. Potrebbe alzare le braccia per essere preso, raggiungere qualcosa che gli piace o scuotere la testa quando dici di no. Questa comunicazione precoce è importante per tuo figlio. Per essere compreso, vorrà imparare nuovi modi di comunicare.

2. Parla con lui di tutto

I bambini imparano meglio ascoltando. Parla con il tuo bambino e vedrai che migliora nel parlare e nel linguaggio. Il tuo bambino ti ascolterà mentre affronti la vita quotidiana. Spiega tutto al tuo bambino. Inoltre, dille cosa stai facendo. Più parole capirà, più ascolterà. Fai notare le cose che ti interessano mentre cammini e parlale della tua vita quotidiana.

3. Parla con lui in ogni situazione

Più parli con il tuo bambino, più sarà esposta alle parole. Quando sei in giro, tieni il tuo bambino al sicuro portandolo in una fascia. Il tuo bambino non sarà in grado di vederti se è in un passeggino rivolto in avanti. Non solo non sarà in grado di vedere e sentire ciò che stai cercando di dire, ma non sarà nemmeno in grado di vederti.

Gli studi suggeriscono che ai bambini bisognerebbe parlare direttamente e non solo esporli ad altre persone.

I bambini che sono esposti a più linguaggio hanno più opportunità di leggere e interpretare il linguaggio, nonché di sviluppare abilità come segmentare il discorso e accedere alle informazioni lessicali che sono vitali per l’apprendimento delle parole. In questo modo, i bambini che ascoltano più discorsi rivolti ai bambini sono più in grado di trovare parole familiari rapidamente e accuratamente in tempo reale.

4. Leggi libri

La lettura è un modo meraviglioso per aiutare tuo figlio a sviluppare il vocabolario e ad apprendere le abilità linguistiche. Leggere a tuo figlio dalla nascita è un modo meraviglioso per iniziare questa abitudine. Anche se il tuo neonato potrebbe non essere in grado di capire le parole che pronunci, troverà conforto nella tua voce. Crescendo, sarà in grado di capire meglio le storie e imparerà anche più vocaboli ascoltando quello che dici.

5. Canta

Per lo sviluppo del linguaggio, cantare le filastrocche e le canzoni melodiche del tuo bambino è un ottimo modo per iniziare. Il tuo bambino adorerà il suono e la qualità della tua voce, non importa quanto sia terribile. Scoprirai che gli piace ripetere le melodie di accompagnamento. Forse il tuo bambino è interessato a unirsi al canto e potrebbe persino ripetere le melodie.

6. Ascolta

Il tuo bambino ti parlerà spesso. Recita i suoni e i ritmi dei rumori del tuo bambino e gioca con il suo imitatore. Il tuo bambino adorerà essere al centro della tua attenzione e giocare con te. Prova nuovi suoni come soffiati, mormorii e altre imitazioni.

7. Ellabora le tue frasi

Una volta che tuo figlio è in grado di comunicare usando una sola parola, inizia a rispondere con frasi complete. Puoi continuare a usare un linguaggio corretto e correggere il tuo bambino. Anche se potrebbe non essere ancora in grado di pronunciare frasi o dire le parole giuste, rielaborare le sue risposte correttamente forniranno un’opportunità di apprendimento.

Sebbene tutti parlino naturalmente con un tono più alto e con toni più alti rispetto ai bambini, è importante comunicare con tuo figlio con parole vere e non solo con le chiacchiere.

8. Parlate a turno

La conversazione è tutta a turno. Quindi coinvolgi tuo figlio fin dalla tenera età con giochi di turni, come il cucù.

Parlare con il tuo bambino dovrebbe essere rilassato e naturale come una conversazione con un’altra persona. Questa è la prima introduzione del bambino alla conversazione.

Cosa non fare

I rumori di sottofondo possono distrarre i bambini. Puoi spegnere la radio e la TV in modo che il tuo bambino possa concentrarsi su quello che stai dicendo.

Gli esperti suggeriscono che i bambini di età inferiore ai due anni non dovrebbero essere autorizzati a utilizzare la TV.

La ricerca rivela che la televisione può essere dannosa per lo sviluppo del linguaggio.

Correggilo. Farà errori quando imparerà nuove parole. Potrebbe riferirsi a tutti gli uccelli come “dodos” o chiamare tutti i bambini “ragazzi”. Ascoltando ciò che tu e gli altri parlate, sarà in grado di riconoscere le differenze tra le sottocategorie. Non dovresti correggerlo il più spesso possibile, può essere demoralizzante.

Stimolare un bambino a parlare in età prescolare

È consigliabile di non iniziare l’interrogatorio non appena arrivi al ritiro o quando entri dalla porta principale. Questa potrebbe non essere la migliore pratica per alcuni bambini.

“I genitori prendono in braccio i loro figli, ed è una raffica di 20 domande. Alcuni bambini non vogliono essere “accesi” tutto il giorno dopo scuola.

Consiglia di trascorrere qualche momento con tuo figlio semplicemente essendo presente. Puoi dire: “Ehi, tesoro, mi sei mancato”. Fammi prendere il tuo zaino. Ora tuo figlio sta pensando che sua madre gli copre le spalle ed è allora che si apriranno.

Può essere difficile trovare qualche momento per conoscere tuo figlio quando devi portarlo dall’asilo alle attività e poi tornare a casa per la cena e i compiti. È consigliabile di dedicare del tempo a tuo figlio come genitore nella tua giornata.

Ad esempio, dopo cena. Anche se sono solo 10 minuti di colorazione o un puzzle, portare tuo figlio con sé per concentrarsi su una singola attività può aiutarlo a sentirsi più a suo agio nel parlare.

Stai inviando loro il messaggio che sei disponibile per loro. Dovresti anche approfittare dei momenti regolari che trascorri insieme, come i viaggi in macchina, andare a scuola a piedi e l’ora di andare a letto, per chiacchierare casualmente a bassa pressione.

Per incoraggiare la conversazione, potresti condividere alcuni dettagli sulla tua giornata. Non dovrebbe sembrare un interrogatorio. Questo insegna ai bambini che tutti hanno giorni buoni e cattivi, indipendentemente dall’età.

Non dovresti ignorare i commenti di tuo figlio sull’ultimo giocattolo o qualsiasi oratore ospite che ha visitato la sua classe quel giorno. Stai perdendo un’opportunità per dimostrare di essere un buon ascoltatore.

Quando sei veramente connesso, il tuo corpo è in grado di piegarsi e il telefono è spento. Se fai un buon lavoro in quei momenti, i tuoi figli saranno più aperti con te anche per le cose difficili.